I tatuaggi sono sicuri? Rischi per la salute legati al tatuaggio

Il tatuaggio è una pratica vecchia come la civiltà, ma mille anni da quando abbiamo iniziato a dipingere permanentemente la nostra pelle, non è ancora privo di rischi al 100%. Ecco alcuni problemi che possono accadere con i tatuaggi.

Le infezioni possono essere trasmesse con gli strumenti del tatuaggio. Questi strumenti entrano in contatto con sangue e fluidi corporei. Se non sono adeguatamente sterilizzati, possono trasmettere malattie come l’epatite B, l’epatite C, la tubercolosi e l’HIV.

La maggior parte dei moderni studi di tatuaggi usano aghi monouso, e questo tipo di problema è raro. Il tatuaggio amatoriale (come nelle prigioni o nei saloni di tatuaggio senza licenza) è più rischioso.

Le reazioni allergiche agli inchiostri per tatuaggi sono rare ma possibili. La pelle può reagire all’inchiostro rosso, giallo e a volte bianco quando un tatuaggio è esposto alla luce del sole.

Le reazioni allergiche della pelle sono di tipo rash. Gli inchiostri per tatuaggi comunemente usati hanno sale metallico e possono avere il piombo ma non in quantità tali da essere dannosi. I pigmenti organici che non hanno metalli pesanti possono essere più problematici. C’è una statistica della Commissione Europea che il 40% dei coloranti organici per tatuaggi usati in Europa non sono approvati per uso cosmetico, e un’ammina aromatica cancerogena è nel 20% di essi.

I tatuaggi che hanno grandi aree di inchiostro nero possono, in rari casi, causare problemi durante le scansioni MRI. L’inchiostro nero ha ossido di ferro, e uno scanner MRI può causare il riscaldamento del ferro inducendo una corrente elettrica in esso. Come abbiamo detto, questo è raro, e avere un tatuaggio non dovrebbe essere un motivo per non fare una risonanza magnetica se necessario.

Guess You Would Like:  I tatuaggi passeranno mai di moda?

I pigmenti dei tatuaggi possono scatenare varie condizioni dermiche come granulomi, varie malattie lichenoidi, dermatiti da cemento, depositi di collagene, lupus eritematoso discoide, eruzioni eczematose, ipercheratosi e parakeratosi, e cheloidi.

I tatuaggi possono causare problemi anche dopo molto tempo che rimangono sulla pelle. Per esempio, la dermatite eczematosa può comparire da mesi fino a venti anni dopo l’ultimo tatuaggio.

Il processo di tatuaggio può produrre un ematoma (livido) se un ago da tatuaggio perfora un vaso sanguigno. Questi lividi possono apparire come aloni intorno a un tatuaggio o come un unico livido più grande se il sangue si raccoglie in una pozza, e di solito guariscono in una settimana.

Alcune grandi particelle di pigmento d’inchiostro possono accumularsi nei linfonodi che possono causare infiammazioni. I linfonodi possono anche diventare scoloriti dal pigmento, che, con l’infiammazione, può dare una falsa bandiera come indicatore di melanoma. Questo può rendere difficile la diagnosi di melanoma in un paziente con tatuaggi.

Gli anticoagulanti (farmaci che impediscono la coagulazione del sangue) possono rendere difficile il tatuaggio perché rendono il sanguinamento più forte. A causa di ciò, rendono più lunga la guarigione di un tatuaggio, e poiché “lavano via” l’inchiostro, ci vorrà più tempo (e tatuaggio) per ottenere abbastanza inchiostro nella pelle.

Un problema generale negli Stati Uniti è che la Food and Drug Administration non regola il tatuaggio né l’inchiostro per tatuaggi.

Nessuno sa con certezza cosa c’è nei pigmenti usati per il tatuaggio, specialmente negli inchiostri ultravioletti (UV) e negli inchiostri fosforescenti. La FDA dice che “molti pigmenti usati negli inchiostri per tatuaggi sono colori industriali adatti all’inchiostro per stampanti o alla vernice per automobili”.