Inchiostro per tatuaggi – La chimica dell’inchiostro per tatuaggi

L’inchiostro per tatuaggi è un inchiostro usato per il tatuaggio. È comunemente composto da pigmento e vettore. L’inchiostro per tatuaggi è prodotto in una vasta gamma di colori che possono essere
ulteriormente miscelati per produrre qualsiasi tonalità.

Come ci tatuiamo per migliaia di anni, facciamo inchiostro per tatuaggi altrettanto a lungo. I primi inchiostri erano fatti di carbone, cenere e altri materiali che si potevano trovare in natura. Con il passare del tempo, furono inventate ricette più complesse per l’inchiostro. Il medico romano Aetius aveva una ricetta per l’inchiostro per tatuaggi che consisteva in corteccia di pino, bronzo corroso mescolato con aceto, uova di insetti e vetriolo. Gli inchiostri moderni non differiscono molto da questi antichi in termini di materiali pericolosi.

Negli Stati Uniti, gli inchiostri per tatuaggi dovrebbero essere soggetti alla regolamentazione della U.S. Food and Drug Administration. Eppure, la FDA dice sul suo sito web che “la FDA non ha approvato nessun pigmento per tatuaggi da iniettare nella pelle” e che “molti pigmenti usati negli inchiostri per tatuaggi sono colori di qualità industriale adatti all’inchiostro per stampanti o alla vernice per automobili”. Alcuni inchiostri per tatuaggi possono avere metalli pesanti come piombo mercurio, cadmio, nichel, zinco, cromo, cobalto, alluminio, titanio, rame, ferro e bario. Altri possono avere ossidi di metallo come ferrocianuro e ferricianuro e altri elementi come antimonio, arsenico, berillio, calcio, litio, selenio e zolfo. Il vettore usato per trasformare il pigmento in polvere in liquido è di solito l’alcool etilico o l’acqua, ma alcuni inchiostri sono fatti con alcoli denaturati, metanolo, alcool per strofinare, glicole propilenico e glicerina.

L’inchiostro glow in the dark e l’inchiostro blacklight e la loro sicurezza per gli esseri umani sono ampiamente dibattuti nella comunità dei tatuatori, ed è ancora sconosciuto quanto siano sicuri. Il primo funziona sulla fosforescenza – assorbe e trattiene una luce e poi si illumina al buio, mentre l’altro si illumina sotto la luce UV.

Guess You Would Like:  7 suggerimenti degli artisti di tatuaggi che ti aiutano a risparmiare tempo e denaro

Anche il diffuso henné nero a inchiostro temporaneo non è sicuro. Health Canada lo ha sconsigliato perché contiene para-fenilendiammina (PPD), che può causare una reazione allergica sotto forma di eruzioni, dermatite da contatto, prurito, vesciche, piaghe aperte e cicatrici.

I peggiori sono gli inchiostri per tatuaggi fatti in casa che la gente fa con inchiostro di penna, fuliggine, sporco, sangue o altri ingredienti.

Le leggi non richiedono ai produttori di rivelare i loro ingredienti o di condurre prove, e per questo motivo, nessuno sa con certezza cosa c’è dentro e come reagisce con un corpo umano. Sappiamo che c’è un raro caso di quelli con tatuaggi neri (fatti con ossido di ferro) che hanno problemi con gli scanner MRI (i tatuaggi iniziano a scaldarsi). Alcuni altri tatuaggi possono scatenare una reazione allergica. In Europa, il 40% dei coloranti organici per tatuaggi non sono approvati per uso cosmetico e meno del 20% dei coloranti testati avevano al loro interno ammine aromatiche cancerogene. Alcuni inchiostri per tatuaggi scatenano reazioni allergiche solo se esposti alla luce del sole.

Il mercurio e le sostanze chimiche azoiche sono più spesso causa di reazioni allergiche rispetto ad altri pigmenti e sono utilizzati nei coloranti rossi, quindi le allergie sono più spesso nei tatuaggi rossi. Questo, naturalmente, non significa che i pigmenti neri, viola e verdi non causino reazioni allergiche.