Storia e fatti del tatuaggio corneale

Il tatuaggio corneale è il tatuaggio della cornea dell’occhio umano. È fatto per ragioni estetiche ma anche per ragioni mediche – per migliorare la vista di un paziente in caso di lesioni all’iride o per alleviare l’abbagliamento, gli aloni, le immagini fantasma o la sensibilità alla luce dell’occhio.

Galeno, un medico della Grecia del II secolo durante l’Impero Romano, fu il primo a menzionare il tatuaggio corneale. Questo veniva fatto nel tentativo di mascherare le opacità glaucomatose dell’occhio e dare all’occhio un aspetto più naturale. I medici di quel tempo cauterizzavano prima la superficie corneale con uno stilet riscaldato (una sonda medica sottile) e poi applicavano all’occhio una tintura fatta di polvere di noce e ferro (il cosiddetto inchiostro di fiele di ferro). La stessa procedura è poi menzionata da Ezio (un medico e scrittore medico bizantino) nel 450 d.C. La volta successiva in cui si sentì parlare di tatuaggio corneale fu nel XIX secolo.

Nel 1869, il chirurgo oculoplastico Louis Von Wecker (noto anche come De Wecker) inventò il nuovo metodo. Anestetizzava l’occhio con la cocaina e lo copriva con uno spesso strato di inchiostro (usava inchiostro nero, inchiostro di china o inchiostro cinese per questo). Poi inseriva l’inchiostro nella cornea perforando la cornea con un ago scanalato. Il tatuaggio corneale fu molto influenzato da questo, ma fu migliorato ulteriormente. Taylor usava un fascio di aghi invece di un solo ago per accelerare il processo. Nieden inventò nel 1901 una penna per tatuaggi che funzionava come una penna stilografica. Armagnac, anche lui medico, usava un imbuto che creava una pupilla perfettamente rotonda.

Guess You Would Like:  Come rimuovere completamente il tatuaggio del sopracciglio?

Oggi esistono molti metodi diversi che utilizzano tecniche e strumenti diversi. Alcuni usano ancora il metodo centenario di coprire la cornea con inchiostro e inserire l’ago per portare l’inchiostro all’interno. Alcuni usano un ago a spatola a tre punte ricoperto d’inchiostro, mentre altri iniettano l’occhio prima con un ago e poi strofinano l’inchiostro con un curet Daviel. Per quanto riguarda l’inchiostro, l’inchiostro indiano è ancora usato insieme a colori metallici in polvere, coloranti organici e persino il pigmento degli occhi degli animali.

C’è anche il tatuaggio sclerale – il tatuaggio sul bianco dell’occhio. Si fa iniettando l’inchiostro sotto la superficie del bianco dell’occhio con aghi come nel tatuaggio classico o con una siringa riempita con una soluzione di inchiostro.

Come tutte le cose, il tatuaggio corneale ha i suoi vantaggi e svantaggi. I vantaggi sono la restituzione dell’aspetto quasi naturale degli occhi in caso di opacità corneali e il breve tempo di recupero.

Gli svantaggi sono che eseguire la procedura non è facile, e ci sono rischi. Le persone possono diventare cieche se vedono prima che l’inchiostro copra tutto l’occhio perché la procedura è molto difficile da eseguire con precisione. Il risultato finito può non essere perfetto, e il tatuaggio deve essere rifatto.

Il tatuaggio può dare la sensazione che ci sia qualcosa nell’occhio e può produrre rossore. Il tatuaggio può anche sbiadire nel tempo. Invece di tatuare l’innesto corneale, si possono usare tecniche di cheratoplastica e lenti a contatto colorate.