Tatuaggio con l’henné – Fatti e storia del Mehndi

L’henné è una pasta ricavata dalla pianta dell’henné. È usata per colorare materiali come lana, seta e pelli di animali e per tingere capelli e criniere e zoccoli di cavalli. La tecnica del tatuaggio temporaneo con l’henné è chiamata “mehndi” o “Mehandi” in India, e quando l’henné viene applicato sulla pelle, dura da 7 a 14 giorni.

Il tatuaggio temporaneo con l’henné è una tradizione vecchia di 5000 anni che ha origine in Pakistan, India, Africa e Medio Oriente. Gli antichi egizi furono uno dei primi ad usarlo come pittura del corpo, dato che l’henné era la loro pianta nativa. Applicando l’henné come parte della preparazione rituale per l’aldilà, abbiamo trovato molte mummie con le unghie ricoperte di henné. Da lì, è arrivato in India, e lì è stato usato dal 700 d.C. Era conosciuto nella tarda età del bronzo nel Mediterraneo orientale, dove le giovani donne si dipingevano il corpo con esso durante le celebrazioni sociali e festive.

Quando Akrotiri (Santorini) fu scavata (risalente a prima del 1680 a.C.), le pitture murali trovate mostravano donne con segni sulle unghie, sui palmi e sulle suole. Statuette di giovani donne trovate lungo la costa mediterranea tra il 16° e il 6° secolo a.C. mostrano anche segni sui palmi che sembrano tatuaggi all’henné.

I bodhisattva e le divinità delle grotte murali di Ajanta, in India, risalgono al IV – V secolo e mostrano che l’henné era usato allora in India come pittura del corpo.

Il Mehndi, un complesso tatuaggio temporaneo fatto con l’henné sulla pelle, è tipicamente applicato alle spose prima delle cerimonie nuziali e in alcuni luoghi (come il Rajasthan) agli sposi. I musulmani in Pakistan lo usano anche come segno di raggiungimento della maggiore età. Per quanto riguarda il motivo per cui viene utilizzato come parte della cerimonia di nozze, alcuni dicono che è stato utilizzato inizialmente come un sostituto per i gioielli.

Guess You Would Like:  Quanto durano i tatuaggi stick and poke?

Altri dicono che l’henné ha proprietà rinfrescanti quando viene applicato sulla pelle, e le persone lo usano per coprire i loro palmi e i piedi per rinfrescarsi durante le calde giornate del deserto. Col tempo, si stancarono del colore noioso e iniziarono a disegnare disegni complessi con l’henné sulla pelle. Un’altra leggenda dice che il colore più scuro dell’henné sulle mani della sposa significa maggiore amore tra la sposa e sua suocera. Tradizionalmente, quando una sposa e uno sposo si sposano, la sposa va a vivere a casa dello sposo e non è costretta a lavorare per le prime settimane, ma la famiglia dello sposo usa questo tempo per conoscere meglio la sposa.

Se è costretta a lavorare, l’acqua e il lavoro faranno sbiadire l’henné sulle sue mani, e la gente saprà che non piace alla suocera.

Le foglie di una pianta di henné non macchiano la pelle se sono fresche. Quando vengono lasciate seccare e macinate. Questa polvere viene mescolata con del liquido come acqua, succo di limone o tè forte per fare la pasta di henné. Per rendere il liquido più denso, alcuni aggiungono zucchero o melassa. La pasta viene applicata sulla pelle con delle penne tradizionali o moderne.